Massimo Bubola

Figura centrale della musica d’autore italiana, poeta, musicista, scrittore. Ha al suo attivo venti album che tracciano un percorso unico nella letteratura musicale del nostro Paese. Già alla fine degli anni Settanta, Bubola crea una poetica che si abbevera alla tradizione della musica popolare e alla poesia contemporanea, arrivando a maturare una formula musicale ricca di suggestioni letterarie, che influenzerà la scena italiana a cominciare da Fabrizio De André, con cui scrive e compone due storici album come Rimini e L’Indiano…

> Venerdì 15 giugno, alle 21

Leggi tutta la biografia...

Annalisa Morsella

Attrice, regista, teatroterapeuta e formatrice, romana di origine ma dal 2002 residente nella provincia di Trento, è laureata con lode al D.A.M.S. di Roma, e diplomata alla Scuola di Formazione in Teatroterapia di Walter Orioli. Come teatroteraputa si occupa principalmente di disagio adolescenziale; come formatrice, lavora sull’utilizzo degli strumenti teatrali, come la dizione, l’uso della voce e il linguaggio del corpo, nei contesti in cui è necessario un miglioramento dei vari livelli della comunicazione, sia nel settore privato che nel pubblico.
Come attrice e regista lavora insieme ad Alessio Dalla Costa per l'associazione culturale Emit Flesti, che oltre alla formazione teatrale si occupa di produzione. Fra gli spettacoli recenti (2017/2018): Con Voce Nuova – L'Inferno di Dante (spettacolo accessibile a sordi e udenti, produzione Emit Flesti, patrocinio dell'ENS – Ente Nazionale Sordi di Trento) e Il Sogno di Jacopo (spettacolo originale sulla vita di Jacopo Aconcio), Castello di Ossana e Teatro di Ossana, in collaborazione con il Comune di Ossana.

Giovedì 14 giugno, alle 19

Pasquale Briscolini

Marchigiano di origine, ha vissuto a Roma e Urbino prima di approdare nel Milanese. Laureato in Matematica a Roma, allievo di Lucio Lombardo Radice. Ha lavorato all’Università, nella Scuola e in Aziende di un grande Gruppo industriale. È interessato al problema educativo-formativo e ai linguaggi di comunicazione. In particolare, ai linguaggi poetico e musicale e alla loro intersezione: in questo quadro si inserisce la passione per Cesare Pavese e Luigi Tenco, dei quali “sente” il fascino e la sintonia che li accumuna e che è sorprendente.

> Venerdì 16 giugno, alle 21.15

Teatro d’Acqua Dolce

Un progetto artistico animato da Gabriele Penner, attore e regista proveniente dal Trentino e dall’esperienza con il GAD Città di Trento, con il quale è risultato miglior attore al Festival Nazionale d’Arte Drammatica di Pesaro per la sua interpretazione in “Sacco e Vanzetti”, che vanta collaborazioni con le maggiori realtà teatrali trentine, radicatosi in Lombardia tra le province di Como e Bergamo. Il nome è una dichiarazione d’amore per la terra di origine e quella che lo ha visto crescere: terre di laghi, neve e fiumi, d’acqua dolce! Fondato nel 2010 basa la sua attività sulla realizzazione di spettacoli, visite teatralizzate presso musei, letture e laboratori teatrali e di letture espressiva.

> Domenica 17 giugno, alle 21.15

Leggi tutta la biografia...

Accordi Verbali

Decennale è il sodalizio del Teatro d’Acqua Dolce chiamato ACCORDI VERBALI con Riccardo Miori, chitarrista di formazione classica attivo nella rielaborazione di repertori tradizionali in chiave acustica come nella rivisitazione dei territori rock e blues, che accanto all’attività didattica ed a quella live, ama spesso mescolare e utilizzare i suoni delle sue corde in funzione della narrazione di testi e nell’allestimento di spettacoli teatrali (tra cui “Tommy”, “The Wall” e “Onde e frequenze” con il Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento, “Dell’incendio di Faver” con Zigurrat, “IMGI” con Emanuele Lapiana).

> Domenica 17 giugno, alle 21.15

Leggi tutta la biografia...

Riccardo Gadotti

Voce recitante, ha interpretato con successo i personaggi principali dei classici del teatro. Il suo carattere eclettico lo ha portato a esplorare anche testi legati alla musica. È voce recitante, accompagnato dall'Ensemble "Donna Kelina", nel cd che fa da colonna sonora per la settimana tematica "Trentino da Leggenda" e "Suoni delle Dolomiti" all'EXPO di Hannover nel 2000. Nella stagione 2005 inizia la pluriennale collaborazione con i "Concerti della Domenica" a Trento, recitando un monologo liberamente tratto da "Il Contrabbasso" di Süskind: L'anno seguente è quello del felice incontro col teatro contemporaneo e con lo scrittore Pino Loperfido che gli confeziona il personaggio di Lorenzo Da Ponte nel monologo "Il Cuoco di Mozart".

> Sabato 16 giugno, alle 21.30

Leggi tutta la biografia...

Stefano Albarello

Si occupa di musica antica approfondendo oltre il campo musicologico, la prassi del canto e degli strumenti a pizzico occidentali e mediorientali. Opera da anni nel concertismo come solista e direttore di insiemi; ha all’attivo concerti in tutto il mondo. Ha partecipato come solista ad oratori ed opere barocche. Ha all’attivo collaborazioni nella musica araba, ottomana ed ebraica tra cui: l’Orchestra Arabo Andalusa di Tangeri, Moni Ovadia; e nel teatro: Corrado Augias, Don Andrea Gallo, David Riondino, Moni Ovadia. Ha partecipato ad incisioni discografiche per le più importanti case discografiche del settore.

Domenica 17 giugno, alle 20.30

Leggi tutta la biografia...

Maurizio Dehò

Violinista singolare, attratto dallo sperimentalismo e dalle melodie che lo hanno spinto a studiare a Varanasi piuttosto che a Budapest, ha suonato per i baraccati di Nairobi e per Gorbaciov, per i vecchi tangueros di Montevideo e per Abbado, suscitando egualmente entusiasmo e consenso. Una ricerca raffinata e popolare in senso alto, in cui la tradizione prende il sopravvento, ma rinnovata e vivificata in musiche che fondono in modo suggestivo le sonorità struggenti e appassionate della tradizione klezmer e tzigana con il minimalismo. Collabora ( da quarant’anni) con Moni Ovadia, ha suonato ed inciso con Antonella Ruggiero, Joe Zavinul, Notte della Taranta, ricevuto il ’1° Trofeo inSound’ nella categoria ‘Archi’. In questo concerto suona su un violino ‘800 ‘truccato’ da viola .

Domenica 17 giugno, alle 20.30

Coro La Tor

Nato per la seconda volta nel 1994, il Coro La Tor ha ripreso una lunga tradizione partita nell’immediato dopoguerra. Ha partecipato a innumerevoli manifestazioni in Italia e all’estero, da ricordare le trasferte in Brasile, Argentina e Uruguay. Collabora con il Trentino Book Festival fin dalla prima edizione ed ha avuto modo si sperimentarsi e confrontarsi con artisti e scrittori in esperimenti di grande successo.Vanta un repertorio che spazia dai classici canti popolari trentini a brani provenienti da fuori regione e dall’estero, armonizzati ed adattati all’occorrenza. Il coro ha all’attivo la registrazione di due CD. Attualmente la compagine è composta da 26 coristi, è presieduta da Stefano Volpato ed è diretta dal Maestro Maurizio Lazzeri.

> Domenica 17 giugno, alle 19.30

Corpo Bandistico di Caldonazzo

I documenti storici recuperati indicano la fondazione della Banda nell’anno 1907 come bandina dei pompieri.
Il fondatore e primo presidente fu Francesco Chiesa, attivo negoziante locale. Un grosso aiuto arrivò dalla locale Cassa Rurale con un prestito di 500 corone, così si poterono comperare i primi 9 strumenti dalla fabbrica „Wenzel Stowasser und Söhne“ di Graslitz in Boemia. Anche il primo statuto dell’associazione risale a questo periodo. Fino alla Prima Guerra mondiale si alternarono vari maestri, il più incisivo fu Giovanni Serra.
La ripartenza dopo il conflitto mondiale fu difficile, ma ancor più la prosecuzione. La vita della banda nel ventennio tra le guerre fu segnata da continue interruzioni. Negli anni cinquanta e sessanta si ebbe una grande ripresa, anche grazie all’impegno del maestro Bruno Wolf che si dedicò con competenza e passione per un lungo trentennio. Nell’azione fu sostenuto concretamente dal presidente Bruno Zangoni, che rimase al vertice dell’associazione fino agli anni duemila.

> Venerdì 16 giugno, alle 21.30

Leggi tutta la biografia...

Associazione Culturale MUSICARTE

Nasce nel 1992 Lodi, dove inizia una complessa attività che prevede una parte didattica e una parte di produzione e organizzazione artistica. L’attività educativa e didattica comprende tutte le iniziative rivolte alla diffusione del linguaggio musicale come espressione comunicativa e altamente formativa: in questo senso vanno sia le attività specifiche programmate in sede, sia le attività che si svolgono, da anni e sempre con maggior successo, fuori sede, presso scuole, comuni, biblioteche, etc... Per quanto riguarda invece la produzione artistica, fin dalla fondazione sono stati organizzati spettacoli classici, moderni e multimediali, con un’attenzione particolare all’originalità della proposta e al suo collocamento nei luoghi e nella storia.

> Venerdì 16 giugno, alle 21.15