Mario Cagol

Nasce a Bolzano il 22/09/1969 e vive e risiede a Trento dal 1970. 20 anni di esperienza radiofonica nelle maggiori realtà della Regione. Ideatore di programmi radiofonici, autore di spot pubblicitari, di fiction televisive. Sei anni nella prestigiosa compagnia teatrale di Andrea Castelli, noto attore/autore regionale. Frequenta corsi di dizione e fonetica. Doppiaggio spot nazionali. Numerose esperienze teatrali e televisive. Per dieci anni conduzione radio in un’emittente radiofonica che copre parte del nord Italia (radio Viva fm).
Il “Rododentro” è una sua trasmissione andata in onda per ben 14 stagioni su Radio 2 Rai. Negli ultimi anni prosegue la sua collaborazione con la trasmissione “Il Sommario” (contenitore comico) alla tredicesima edizione, su Radio Uno Rai. Ha partecipato, con piccole parti, a Fiction per Rai e Mediaset. Collabora con Radio Rai in qualità di attore in sceneggiati radiofonici e letture d’autore. Ha condotto tre edizioni della trasmissione “Italia per aria” per il canale tematico di viaggi DOVE Tv del pacchetto Sky. Monologhista teatrale (cabaret e non solo) presentatore tv.


> Sabato 15 giugno, alle 21 e Domenica 16 giugno, alle 20

Alessio Zeni

Insegnante di lingue straniere di professione, musicista autodidatta per passione, proviene artisticamente dalla scena rock del capoluogo trentino. Da più di due decenni scrive e interpreta le proprie canzoni inedite, da ultimo con la band elettro/pop Hi Fi Gloom. Approda al mondo del teatro per la prima volta con lo spettacolo “Ciò che non si può dire - Il Racconto del Cermis” per cui - in acustico - propone un accompagnamento intimo ed introspettivo.

Sabato 15 giugno, alle 21

Pasquale Briscolini

Marchigiano di origine, ha vissuto a Roma e Urbino prima di approdare nel Milanese. Laureato in Matematica a Roma, allievo di Lucio Lombardo Radice. Ha lavorato all’Università, nella Scuola e in Aziende di un grande Gruppo industriale. È interessato al problema educativo-formativo e ai linguaggi di comunicazione. In particolare, ai linguaggi poetico e musicale e alla loro intersezione: in questo quadro si inserisce la passione per Cesare Pavese e Luigi Tenco, dei quali “sente” il fascino e la sintonia che li accumuna e che è sorprendente.

> Giovedì 14 giugno, alle 21.15

Layla Betti

Si avvicina alla lettura grazie ai corsi con l’attore Giorgio Dal Piai, frequenta quindi il triennio presso la Scuola di Teatro Portland di Trento, con docenti quali Michela Embriaco e Andrea Brunello. Dopo alcune esperienze con Stradanòva e Maura Pettorruso, nel 2011 fonda l’Associazione Culturale Bubamara, di cui è presidente. Attraverso Bubamara – presenza fissa al Trentino Book Festival – cura e organizza reading e piccole performance. È stata la voce italiana dell’audioguida del Padiglione Casa Pavarotti presso Expo 2015.


Chiara Turrini

È stata voce recitante nell'evento di apertura del MUSE (luglio 2013) e lettrice al Trentino Book Festival di Caldonazzo (tutte le edizioni, 2012-2018).
Attrice in videoclip, spot e film, ha rivestito, tra l’altro, il ruolo di madre di Alcide De Gasperi nel film diretto dalla regista Liliana Cavani: “Alcide De Gasperi, l’uomo della speranza.” Ha lavorato con i registi M. Spano, M. Bellocchio, D. Vicari, P. Corsicato, G. Diritti, A. Longoni, R. Faenza, C. Mazzacurati e altri.
Nel 2016, è stata attrice protagonista del cortometraggio di Marco Toscani “Ti ho incontrata domani”, premio “Miglior regia” ai Global Shorts Film Awards Cannes ̸ New York.
Ha recentemente rivestito il ruolo rilevante di Lerate nel film “Exitus – Il Passaggio”, per la regia di Alessandro Bencivenga (Italia, 2019).
Leggi tutta la biografia...

Nadia Martinelli

Laureata in Letteratura con una tesi sul poeta Marco Pola, abita a Centa San Nicolò, dove è stata anche Assessore alla Cultura. È attratta dalla scrittura, dalla poesia in particolare. Ha pubblicato con il Coordinamento Donne di Trento sulle antologie raccolte con altre amiche di penna, racconti e poesie in lingua italiana. Fa parte della nuova Associazione di scrittura creativa Sillabaria di Trento. Con il Cenacolo Valsugana ha pubblicato poesie in dialetto trentino. Collabora con il Coro La Tor e il Corpo Bandistico di Caldonazzo.

>>> Venerdì 14 giugno, alle 21.15

Stefano Borile

Stefano Borile nasce a Milano il 27 novembre 1964, si trasferisce a Levico Terme negli anni 90.
Per l’anagrafe direttore amministrativo, per se stesso, poeta e scrittore, autore e regista teatrale per alcune compagnie trentine e lombarde, giurato e presidente di giuria in diversi concorsi nazionali di poesia, formatore di teatro-terapia e clown-terapia. Nella sua vita artistica/professionale ha sviluppato percorsi di: scrittura creativa ed lettura interpretativa.
Nel 2013 esce la prima edizione del libro di favole per bambini “Gnomo Kor e il grande mare” edito da Giovane Holden Editore, presentato al Pisa Book Festival.
Nel corso della sua vita ha collezionato diverse vittorie e segnalazioni a concorsi di poesia e narrativa a livello nazionale.
Ha condotto diverse presentazioni di libri con autori locali e nazionali. Regista della compagnia Filodrammatica di Levico Terme e autore ed interprete di vari spettacoli teatrali. Membro attivo del gruppo “poesia 83”.

Astrid Mazzola

Laureata in Letteratura con una tesi sul poeta Marco Pola, abita a Centa San Nicolò, dove è stata anche Assessore alla Cultura. È attratta dalla scrittura, dalla poesia in particolare. Ha pubblicato con il Coordinamento Donne di Trento sulle antologie raccolte con altre amiche di penna, racconti e poesie in lingua italiana. Fa parte della nuova Associazione di scrittura creativa Sillabaria di Trento. Con il Cenacolo Valsugana ha pubblicato poesie in dialetto trentino. Collabora con il Coro La Tor e il Corpo Bandistico di Caldonazzo.

>>> Venerdì 14 giugno, alle 21.15

Coro La Tor

Nato per la seconda volta nel 1994, il Coro La Tor ha ripreso una lunga tradizione partita nell’immediato dopoguerra. Ha partecipato a innumerevoli manifestazioni in Italia e all’estero, da ricordare le trasferte in Brasile, Argentina e Uruguay. Collabora con il Trentino Book Festival fin dalla prima edizione ed ha avuto modo si sperimentarsi e confrontarsi con artisti e scrittori in esperimenti di grande successo.Vanta un repertorio che spazia dai classici canti popolari trentini a brani provenienti da fuori regione e dall’estero, armonizzati ed adattati all’occorrenza. Il coro ha all’attivo la registrazione di due CD. Attualmente la compagine è composta da 26 coristi, è presieduta da Stefano Volpato ed è diretta dal Maestro Maurizio Lazzeri.

> Domenica 17 giugno, alle 19.30

Corpo Bandistico di Caldonazzo

I documenti storici recuperati indicano la fondazione della Banda nell’anno 1907 come bandina dei pompieri.
Il fondatore e primo presidente fu Francesco Chiesa, attivo negoziante locale. Un grosso aiuto arrivò dalla locale Cassa Rurale con un prestito di 500 corone, così si poterono comperare i primi 9 strumenti dalla fabbrica „Wenzel Stowasser und Söhne“ di Graslitz in Boemia. Anche il primo statuto dell’associazione risale a questo periodo. Fino alla Prima Guerra mondiale si alternarono vari maestri, il più incisivo fu Giovanni Serra.
La ripartenza dopo il conflitto mondiale fu difficile, ma ancor più la prosecuzione. La vita della banda nel ventennio tra le guerre fu segnata da continue interruzioni. Negli anni cinquanta e sessanta si ebbe una grande ripresa, anche grazie all’impegno del maestro Bruno Wolf che si dedicò con competenza e passione per un lungo trentennio. Nell’azione fu sostenuto concretamente dal presidente Bruno Zangoni, che rimase al vertice dell’associazione fino agli anni duemila.

> Venerdì 16 giugno, alle 21.30

Leggi tutta la biografia...

Associazione Culturale MUSICARTE

Nasce nel 1992 Lodi, dove inizia una complessa attività che prevede una parte didattica e una parte di produzione e organizzazione artistica. L’attività educativa e didattica comprende tutte le iniziative rivolte alla diffusione del linguaggio musicale come espressione comunicativa e altamente formativa: in questo senso vanno sia le attività specifiche programmate in sede, sia le attività che si svolgono, da anni e sempre con maggior successo, fuori sede, presso scuole, comuni, biblioteche, etc... Per quanto riguarda invece la produzione artistica, fin dalla fondazione sono stati organizzati spettacoli classici, moderni e multimediali, con un’attenzione particolare all’originalità della proposta e al suo collocamento nei luoghi e nella storia.

> Giovedì 14 giugno, alle 21.15

Cooperativa Sociale Educativa Fabuline

Nasce a gennaio 2014, con l’obiettivo di promuovere, progettare e realizzare interventi sociali, educativi, formativi, animativi per bambini di varie età. Durante gli incontri, condotti dal personale della Cooperativa si realizzano esperienze artistiche per avvicinare il bambino a diverse tecniche narrative e creative (teatro dei burattini, teatro delle ombre, musica, movimento, gioco, manipolazione creativa…). La narrazione animata è il pretesto per dar vita ad incontri che vanno a toccare diverse e rilevanti tematiche: la fantasia, le emozioni, l’identità e la diversità, l’amicizia, le piccole sfide quotidiane …
Le Fabuline sono: Manuela Boz. Laureata in Scienze dell’Educazione – Esperto nei processi formativi – presso l’Università di Verona e laureanda in Scienze della Formazione Primaria – indirizzo Scuola dell’Infanzia con l’abilitazione al Sostegno – presso l’Università di Bressanone, è impegnata da 12 anni nella realizzazione di laboratori didattici per tutti i cicli scolastici. Alice Odorizzi. Laureata in Lettere Moderne, presso l’Università degli Studi di Trento. Ha lavorato per alcuni anni in una libreria e ha così maturato una buona conoscenza nell’editoria per bambini e ragazzi, nei testi educativi e nei libri scolastici. Ha frequentato un corso per la gestione di librerie specializzate per bambini e di spazi dedicati a laboratori e letture animate per i più piccoli.